Venerdì 06 Agosto 2010

Marea nera/ Bp: conclusa cementificazione pozzo petrolio

New Orleans, 6 ago. (Apcom) - Bp ha concluso l'operazione di iniezione di cemento nel pozzo di petrolio, all'origine della marea nera nel Golfo del Messico, destinata a tapparlo definitivamente. "Non è la fine, ma questo ci assicura praticamente che non c'è più il rischio di perdite di petrolio nell'ambiente", ha detto a Washington l'ammiraglio Thad Mullen, responsabile per il governo Usa della supervisione del dossier sul disastro ambientale nel Golfo del Messico All'operazione, nota col nome di "static kill", iniziata martedì con l'iniezione di fango pesante per contenere la pressione del greggio, si è arrivati dopo quasi quattro mesi in cui per molto tempo hanno prevalso insuccessi e frustrazioni. Il 20 aprile l'esplosione della piattaforma Deepwater Horizon di BP ha ucciso 11 operai e ha gradualmente riversato in mare quasi cinque milioni di barili di greggio. Per tre mesi Bp non è stata in grado di contenere il petrolio in nessun modo, attirandosi le ire degli abitanti della regione e della Casa Bianca. Tre settimane fa gli ingegneri sono riusciti a calare una cupola sulla bocca del pozzo in grado di contenere, almeno temporaneamente, la fuoriuscita. Ci vorrà almeno un giorno perché il cemento si solidifichi, e almeno altri cinque per ultimare un secondo pozzo, a 5.500 metri di profondità, e che andrà a intersecarsi con il vecchio pozzo necessario per tappare definitivamente quello danneggiato Bp e il governo non dichiareranno vinta la battaglia fino a quando anche l'operazione con il secondo pozzo non sarà completata.

Emc-Red

© riproduzione riservata