Mercoledì 18 Agosto 2010

Ocse/ Germania locomotiva della ripresa, Italia fanalino di coda

Roma, 18 ago. (Apcom) - È la Germania la locomotiva della ripresa nell'area Ocse, mentre l'Italia è la maglia nera del gruppo con la crescita più bassa. Secondo i dati dell'organizzazione parigina, nel secondo trimestre il Pil dei paesi Ocse è cresciuto del 2,8% su base annua, accelerando rispetto al 2,4% di gennaio-marzo. I tedeschi, in particolare, con il +3,7% hanno avuto il tasso di crescita più significativo dell'intera area (che comprende 32 paesi a economia avanzata in tutto il mondo). L'Italia, invece, con il +1,1% ha segnato l'aumento del Pil più basso. Nel confronto con il primo trimestre, invece, la performance italiana è leggermente migliore. Il Pil italiano è cresciuto dello 0,4%, come a gennaio-marzo, facendo meglio del Giappone (+0,1%) tra le sette maggiori economie dell'area (il dato canadese però non è ancora disponibile). Nel secondo trimestre il Pil dei paesi Ocse è aumentato dello 0,7% congiunturale, segnando lo stesso incremento dei tre mesi precedenti. Sia nell'Ue sia nell'area euro c'è stato un +1%, trainato dalla crescita record della Germania (2,2%), il balzo più significativo dalla riunificazione. Un impulso forte al Pil europeo è arrivato anche dalla Gran Bretagna, che ha quasi triplicato il ritmo di crescita, dallo 0,3% del primo trimestre al +1,1% del secondo. L'Ocse è l'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, con sede a Parigi, che comprende 32 paesi in tutto il mondo. Oltre ai maggiori paesi europei, ci sono Usa, Giappone, Canada, Australia, Cile, Corea del Sud, Messico e Nuova Zelanda.

Glv

© riproduzione riservata