Martedì 31 Agosto 2010

India/ L'elefante corre: Pil +8,8% in secondo trimestre

Roma, 31 ago. (Apcom) - Sono numeri che fanno impallidire l'asfittica crescita dei paesi occidentali. L'India oggi ha reso noto d'aver registrato nel secondo trimestre del 2010 una crescita del prodotto interno lordo dell'8,8 per cento. Si tratta della migliore performance da due anni a questa parte, cioè dall'esplosione della crisi globale, e della seconda performance mondiale dopo quella della Cina. Il dato, su base annua, è stato sostenuto da una potente crescita industriale: +12 per cento. Anche i servizi sono andati bene, segnando un aumento di circa il 10 per cento. L'economia indiana, nel periodo preso in considerazione, è risultata formata per il 55 per cento da servizi, mentre l'industria è al 25 per cento. L'aumento della ricchezza nazionale, prevedibile per un gigante economico che oggi si piazza ancora all'11mo posto tra le economie mondiali ma che è destinato a occupare ben altre posizioni, sta producendo in India anche una maggiore ricchezza pro-capite. Secondo quanto scrive il Times of India, la media delle entrate dei cittadini indiani negli anni 2003-2008 sono quasi raddoppiate e, considerando l'inflazione, è aumentata del 50 per cento. Un trend importante per un paese in cui convivono ancora punte di economia avanzata e sacche di paurosa povertà. Che però potrebbe segnare qualche battuta d'arresto. Il rischio, infatti, quando si vivono momenti di crescita così rapida, è quello del surriscaldamento. La Reserve Bank of India, secondo quanto spiega oggi la BBC, ha chiarito che considera cruciale la lotta all'inflazione. Lo scorso mese il tasso d'inflazione è stato dell'11 per cento. (segue)

Mos

© riproduzione riservata