Martedì 14 Settembre 2010

Italia-Libia/Peschereccio mitragliato: la nave donata da Roma

Roma, 14 set. (Apcom) - Un episodio destinato a rinfocolare le polemiche sulla collaborazione marittima fra Italia e Libia. E' stata una unità della marina libica a sparare al motopeschereccio di Mazara del Vallo 'Ariete', domenica; ma soprattutto, si trattava di una nave della classe 'Bigliani' donato dall'Italia alla Libia per il contrasto all'immigrazione clandestina. Peggio ancora, a bordo dell'unità navale si trovavano anche alcuni militari della Guardia di Finanza, come osservatori. E sarebbe stato uno di loro a pronunciare la frase che ha insospettito il comandante del peschereccio: "'fermatevi o questi vi sparano'. Che motivo aveva di dire 'questi'?". Proprio dal racconto del comandante Gaspare Marrone sono nati i sospetti. Marrone, ha ricordato l'Unhcr, "è uno dei marinai coraggiosi che ha rischiato la propria vita e quella del suo equipaggio per salvare in passato altre vite umane" di migranti in mare. Il peschereccio è tornato crivellato di colpi, ma il ministro degli Esteri Frattini ha spiegato che la marina libica avrebbe sparato in aria. Il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha deciso di avviare un'inchiesta.

Nes-Aqu

© riproduzione riservata