Mercoledì 29 Settembre 2010

Ue/ Nodi al pettine su controllo conti, oggi proposte Bruxelles

Roma, 29 set. (Apcom) - Tutti d'accordo in Europa quando si tratta di affermare i principi di maggiori coordinamento e controllo nelle politiche di bilancio, ma ora che si arriva alla fase cruciale sul come far rispettare i parametri rafforzati sui conti i nodi vengono al pettine. Da una parte la Commissione europea, appoggiata da diversi paesi capeggiati dalla Germania che vuole creare meccanismi quasi automatici sulle sanzioni, scatterebbero rapidamente e più pesanti di prima, a carico di chi finisce fuori scala. Ma altri stati, tra cui la Francia, esplicitamente, e secondo indiscrezioni di stampa anche Italia e Belgio, non sarebbero favorevoli a questi automatismi. Oggi dal commissario europeo agli Affari economici, Olli Renh sono attese le proposte di riforma di Bruxelles. Il problema delle divergenze di posizioni è stato ammesso lunedì dallo stesso presidente permanente dell'Ue, Herman Van Rompuy, al termine degli incontri della task force che presiede, composta anche da esponenti dei vari governi, che a sua volta lavora su questo versante. Un'intesa di massima sarebbe stata raggiunta anche su questi automatismi, ma il presidente ha parlato di "notevoli convergenze", non ancora di accordo.

Voz

© riproduzione riservata