Domenica 17 Ottobre 2010

Aggressione metro/ Legale: famiglia Maricica vuole chiarezza

Roma, 17 ott. (Apcom) - Alessandro Di Giovanni, l'avvocato della famiglia di Maricica Hahaianu, l'infermiere romena di 32 anni morta venerdì sera all'ospedale Casilino dopo una settimana di agonia, sottolinea che "non c'è stata una denuncia dei familiari verso l'ospedale, c'è stato un miglioramento e una ricaduta e i familiari vogliono sapere tutto ciò che ha subito la loro cara, dall'aggressione, alla morte, per una loro serenità d'animo". Maricica fu ricoverata dopo essere stata colpita da un pugno sferrato dal giovane romano Alessio Burtone, che si trova ancora ai domiciliari. All'ospedale "ai familiari era stato quasi detto che le cose andavano bene, si era ripresa, c'era un miglioramento. Loro ora non condannano nessuno, non ce l'hanno con i medici ma aspettano l'autopsia per far chiarezza , hanno bisogno di riacquistare un minimo di serenità interiore". E l'avvocato anzi sottolinea che al riguardo "l'ufficio del pm ha dimostrato tutta l'attenzione al caso, ascoltando anche le nostre richieste e disponendo un collegio peritale". "E' un adempimento dovuto, chiarire tutta la vicenda con la giusta attenzione. Poi - prosegue l'avvocato - si valuterà il resto. Certo domani pomeriggio è un momento importante, con l'autopsia cercheremo di capire cosa è successo". (segue) Al di là della famiglia, comunque era già stata la Procura di Roma, affidando l'incarico per l'effettuazione dell'autopsia di Maricica Hahaianu, a chiedere l'accertamento oltre alla causa del decesso anche delll'evolversi del quadro clinico della donna che dopo il ricovero in ospedale è 'entrata ed uscita' dal coma. (segue)

Gtu

© riproduzione riservata