Lunedì 08 Novembre 2010

Roma, ciclista ucciso, il sindaco promette più sicurezza

Roma, 8 nov. (Apcom) - La morte di un quarantenne ciclista sulla Cristoforo Colombo verso il mare, a Roma, ha sollevato nuove polemiche circa la sicurezza a tutela di chi si sposta in bicuicletta nella capitale, una opzione sempre più utilizzata ma anche sempre più a rischio. Un passante ha visto il ciclista a terra esanime e ha chiamato gli agenti della municipale alle 6.40 di ieri mattina; il ciclista era già morto, il pirata della strada è fuggito. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha affermato che l'incidente "non deve essere sottovalutato" e ha promesso "La prossima settimana faremo un incontro con l`assessore Marchi, l`assessore De Lillo e con le associazioni dei ciclisti per verificare il rispetto delle regole a tutela di chi va in bicicletta e per accelerare lo sviluppo delle piste ciclabili a Roma". Mentre l'associazione romana BiciRoma ha ricordato che sette mesi fa un altro ciclista è morto sulla Colombo e poco più di un anno fa una ragazza in bici è morta investita a via dei Fori Imperiali. Per l'associazione la ciclabilità romana si muove in uno stato di "abbandono" data "la pericolosità in cui sono costretti a spostarsi i ciclisti sia dentro Roma che sulle strade che portano fuori dalla capitale è confermata dal ripetersi di incidenti mortali come quello di oggi". L'associazione torna a chiedere l'instaurazione di piste ciclabili protette.

Aqu

© riproduzione riservata