Martedì 09 Novembre 2010

Sarah Scazzi/ Oggi Sabrina davanti al tribunale del riesame

Taranto, 9 nov. (Apcom) - È prevista per questa mattina alle 9,30 l'udienza camerale del tribunale del riesame per decidere sulla richiesta di scarcerazione presentata dai legali di Sabrina Misseri la cugina di Sarah Scazzi in carcere dallo scorso 15 ottobre perché accusata dal padre di aver avuto un ruolo nell'omicidio della cugina. All'apertura dell'udienza camerale, davanti al collegio giudicante i pubblici ministeri che sosteranno l'accusa, il procuratore aggiunto Pietro Argentino ed il sostituto Mariano Buccoliero depositeranno il nuovo interrogatorio, con la nuova versione fornita da Michele Misseri nell'ultimo interrogatorio di venerdì scorso all'interno del carcere. Sarà a questo punto che con molta probabilità l'avvocato Vito Russo difensore di fiducia di Sabrina insieme alla moglie Emilia Velletri chiederà i "termini di difesa" per poter aver accesso agli atti delle indagini. Un diritto quest'ultimo che sicuramente la difesa si giocherà facendo slittare così l'udienza camerale. Quindi ci sarà un rinvio, che potrebbe essere di giorni, come chiederà la difesa di Sabrina Misseri, ma potrebbe anche ridursi ad un paio d'ore cosi come sarebbe nell'intenzione dei pubblici ministeri. Una giornata campale al termine della quale con molta probabilità, però, non arriverà in ogni caso il verdetto del tribunale del riesame, che se si discuterà nel metodo l'udienza, quindi senza rinvii di giorni, potrebbe riservarsi la decisione che arriverebbe entro venerdì, termine ultimo. Intanto ieri nel carcere di Taranto Michele per la prima volta da quando è stato arrestato ha ricevuto la visita della moglie Cosima Serrano, che all'uscita del carcere avrebbe detto al suo avvocato che Michele gli avrebbe confidato novità clamorose. Non è escluso che la donna tra oggi e domani possa essere ascoltato dagli investigatori per capire quali potrebbero essere le dichiarazioni "sconvolgenti" che la stessa avrebbe appreso da marito.

Fmc

© riproduzione riservata