Lunedì 15 Novembre 2010

Berlusconi: Crisi? Sciogliere solo la Camera. Fli e Pd attaccano

Roma, 15 nov. (Apcom) - Silvio Berlusconi torna a farsi, sentire, a due giorni dal rientro da Seul, il premier telefona alla manifestazione del Pdl a Milano e rilancia l'ipotesi di sciogliere solo la Camera, nel caso in cui a Montecitorio venisse votata la sfiducia. Ipotesi che scatena le opposizioni e Fli: il Pd ricorda che anche Romano Prodi, nel 2008, venne sfiduciato solo da una Camera (il Senato, in quel caso), ma si sciolse comunque tutto il Parlamento; Italo Bocchino, invece, attacca: "E' solo un escamotage, ed è preoccupante". Il premier, comunque, ha ribadito l'intenzione di voler iniziare la verifica al Senato, nonostante le proteste che arrivano anch dall'Udc. "Andremo avanti a governare con una fiducia che ci verrà data al Senato - ha detto il premier - che penso ci verrà data anche alla Camera, e se ci dovesse essere una fiducia che non c'è alla Camera benissimo, si andrà a votare per la Camera stessa dei deputati e vedremo che cosa decideranno gli italiani". Pd e Udc, invece, chiedono che la Finanziaria venga approvata in tempi rapidi dal Senato e i democratici avvertono che tocca al capo dello Stato decidere cosa fare, quando si apre la crisi. Il Quirinale, per ora, non si pronuncia: Napolitano entrerà in gioco solo a crisi formalizzata.

Adm/

© riproduzione riservata