Lunedì 15 Novembre 2010

Governo/Pd scrive a Fini: Dite no a Berlusconi, prima sfiducia

Roma, 15 nov. (Apcom) - Il capogruppo del Partito democratico a Montecitorio, Dario Franceschini, chiede al presidente della Camera, Gianfranco Fini, di "non assecondare le richieste contenute nella lettera del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi", inviata sabato scorso ai presidenti delle Camere per comunicare l'intenzione di chiedere la fiducia prima al Senato, poi a Montecitorio. Le richieste del premier, secondo Franceschini, sono "viziate sul piano della illegittimità costituzionale, nonché di una prassi consolidata e concorde". In una lunga e dettagliata lettera, il presidente dei deputati democratici sostiene la priorità della mozione di sfiducia al governo presentata dalle opposizioni e chiede a Fini di fissarne la discussione alla Camera "nella prima giornata utile consentita dal calendario parlamentare, successivamente all'approvazione della legge di stabilità da entrambe le Camere". Franceschini chiede infine "di difendere, nell'esercizio della sua funzione, il diritto costituzionalmente garantito ai firmatari la mozione di sfiducia, di portarla al voto prima, e non successivamente, ad un voto di fiducia chiesto dal Governo al Senato, al solo fine di sottrarsi al voto della Camera". Per il democratico infatti "risulta del tutto pretestuosa e giuridicamente irrilevante l'invocazione del presidente del Consiglio del principio dell'alternanza dei voti di fiducia tra la Camera e il Senato".

Luc

© riproduzione riservata