Lunedì 15 Novembre 2010

Il Papa contro il doping: Non potenziare corpo a tutti i costi

Città del Vaticano, 15 nov. (Apcom) - Il Papa critica il doping nello sport e la tendenza a considerare il corpo uno "strumento da potenziare a tutti i costi, utilizzando magari anche mezzi non leciti", in occasione dell'udienza concessa ad un gruppo di maestri di sci ricevuti stamani in Vaticano. "Praticato con passione e senso etico, lo sport, oltre che esercitare ad un sano agonismo, diventa scuola per apprendere e approfondire valori umani e cristiani", ha detto il Papa. "Esso, infatti, insegna ad armonizzare dimensioni importanti della persona umana favorendo il suo sviluppo integrale. Mediante l`attività sportiva, la persona comprende meglio che il suo corpo non può essere considerato un oggetto, ma che, attraverso la corporeità, esprime se stessa ed entra in relazione con gli altri. In tal modo - ha concluso - l`equilibrio tra la dimensione fisica e quella spirituale porta a non idolatrare il corpo, ma a rispettarlo, a non farne uno strumento da potenziare a tutti i costi, utilizzando magari anche mezzi non leciti".

Ska

© riproduzione riservata