Martedì 23 Novembre 2010

Finiani bloccano simbolo Pdl: E' anche nostro, non possono usarlo

Roma, 23 nov. (Apcom) - Berlusconi non potrà più utilizzare il simbolo del Pdl visto che è in comproprietà con il suo ex alleato Gianfranco Fini. Parola di Italo Bocchino: "Dicono che Berlusconi stia preparando un nuovo partito per rinnovarsi in vista del voto. Comprendiamo la sua esigenza, anche perché il nome e il simbolo del Pdl sono in comproprietà con Fini e non potrà utilizzarli". Il capogruppo di Fli alla Camera ha poi messo le mani avanti: "Dicono anche che nella conferenza stampa tenuta due giorni fa a Lisbona si sia fatto sfuggire che vuole scendere in campo definendosi 'il vero centrodestra'. Per evitargli problemi giudiziari, che purtroppo non gli mancano, gli comunichiamo che dal 17 maggio scorso 'il vero centrodestra' è stato registrato da noi all'ufficio marchi e brevetti di Roma. Una ragione in più che prova che il suo non sarà il vero centrodestra italiano". Il ministro dei Beni Culturali è tra i primi a correre in soccorso del premier: "Non riesco a comprendere come l`onorevole Bocchino possa continuare a rivolgersi al Presidente del Consiglio non tanto sulla base di argomentazioni politiche, discutibili quanto legittime, quanto ricorrendo in ogni circostanza a toni, giudizi, provocazioni, pose che sarebbero a stento ammessi nelle più misere discussioni condominiali".

Tom/Kan-San/

© riproduzione riservata