Mercoledì 24 Novembre 2010

Portogallo/ Oggi sciopero generale contro tagli alla spesa

Lisbona, 24 nov. (Apcom) - Lo sciopero generale convocato per oggi dai sindacati portoghesi promette di essere la mobilitazione più massiccia dal 1974 - anno del ritorno alla democrazia - ad oggi: funzionari pubblici e dipendenti privati protesteranno insieme contro i tagli alla spesa decisi dall'esecutivo del premier socialista José Socrates per fare fronte alla grave crisi finanziaria del Paese. Il Parlamento dovrebbe infatti adottare in via definitiva venerdì la legge finanziaria per il 2011, che - dopo lunghi negoziati fra i partiti, dato che il governo è di minoranza - si pone come obbiettivo una riduzione del rapporto deficit-Pil dall'attuale 7,3% al 4,6% alla fine del prossimo anno. Il provvedimento prevede in particolare il congelamento dei salari, un aumento della pressione fiscale e un taglio dei servizi sociali, con l'effetto cumulativo di una forte diminuzione del potere d'acquisto in un Paese in cui il salario medio non supera gli 800 euro mensili. Lo sciopero paralizzerà tutti i settori, in particolar modo i trasporti: la compagnia di bandiera Tap ha già previsto la cancellazione di 500 voli, mentre nel trasporto urbano di Lisbona non verranno garantiti i servizi minimi; gli ospedali funzioneranno invece come se si trattasse di una normale giornata festiva.

Mgi

© riproduzione riservata