Domenica 05 Dicembre 2010

Governo/ Verdini: Ribadisco, 'me ne frego' non era offesa a Colle

Roma, 5 dic. (Apcom) - Una "mistificazione clamorosa" dovuta al fatto che "su un ragionamento di un'oretta sono stato impiccato ad una frase", quella secondo cui "politicamente i partiti se ne fregano delle prerogative altrui perché hanno le loro". Denis Verdini, coordinatore Pdl, torna sulla vicenda che lo ha visto al centro delle polemiche negli ultimi due giorni. E al Giornale spiega che in quelle parole non c'era "per nulla" un attacco al Quirinale, "ho parlato alle 19, ignoravo che dopo un'ora e mezzo il Colle avrebbe diffuso quella nota (sulle prerogative del Presidente nella crisi di Governo, ndr). C'è stata una strumentalizzazione di una battuta fuori contesto e un montaggio sbagliato dei fatti". Piuttosto, aggiunge, "secondo me il Presidente voleva zittire Fini che nel pomeriggio l'aveva tirato per la giacca" prefigurando "un ribaltone". Mdr 051035 dic 10

MAZ

© riproduzione riservata