Martedì 14 Dicembre 2010

New York Times su Pompei: crolli frutto di lunga incuria

Roma, 14 dic. (Apcom) - Pompei sta crollando? Se lo chiede oggi con grande evidenza il New York Times che dedica un lungo servizio alla città d'arte campana a partire dai recenti crolli. E già dal titolo l'articolo chiarisce il punto di vista del quotidiano: i crolli sono il frutto di "una lunga incuria". "I crolli di Pompei - scrive il quotidiano americano - sono diventati una metafora dell'instabilità politica italiana e dell'incapacità del paese di prendersi cura del suo patrimonio culturale". E in molti, racconta il giornale al pubblico americano, hanno chiesto le dimissioni del ministro della cultura Bond e l'Unesco ha inviato una sua missione sul posto. Ma i mali di Pompei, spiega con dovizia di particolari il New York Times, probabilmente vengono da lontano (e il peggio può darsi debba ancora arrivare). Tra gli esperti interpellati, il Nyt dà la parola Pietro Giovanni Guzzo, archeologo e responsabile del sito dal 1993 al 2009: "Pompei è fragile. Il tipo di costruzioni, lo choc del Vesuvio, il fatto che gran parte della città è rimasta sepolta sotto un terreno acido per secoli...". Ma il problema vero, spiega Guzzo, è che a Pompei mancano "una buona manutenzione ordinaria e non sono stati progammati adeguati lavori di conservazione". A sua volta Stefano De Caro, ex soprintendente e sino al meso scorso direttore del settore antichità del ministero della cultura, mette in evidenza invece le molte questioni politiche e culturali che hanno sempre gravato come macigni su Pompei. Tra questi, l'eccessivo affluso di turisti (due milioni 'l'anno), le piogge, la vegetazione mai tenuta a bada, la scarsità delle risorse riservate alla manutenzione, il difficile rapporto con gli amministratori locali. Una situazione dunque complessa, difficile, delicata, su cui sono andati a incistarsi anche clamorosi errori politici. Il New York Times conclude ricordando che "uno stato di emergenza per il sito venne dichiarato nel luglio 2008... Due anni (e due commissioni di studio) dopo, il governo di Roma ha dichiarato finita l'emergenza". E sono iniziati i crolli, puntualmente.

vgp

© riproduzione riservata