Lunedì 20 Dicembre 2010

Gasparri: Arresti preventivi su manifestazioni studenti. Il no Pd

Roma, 20 dic. (Apcom) - Ha provocato durissime polemiche dell'opposizione la presa di posizione del presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, che per evitare il ripetersi di scontri di Piazza come quelli della scorsa settimana a Roma ha chiesto arresti preventivi e ha evocato rischi di una nuova stagione di violenza. "Invece delle sciocchezze che vanno dicendo i vari Cascini e Palamara, qui - ha detto Gasparri in una nota - ci vuole un Sette aprile. Mi riferisco a quel giorno del 1978 in cui furono arrestati tanti capi dell'estrema sinistra collusi con il terrorismo. Qui - ha osservato - serve una vasta e decisa azione preventiva. Si sa chi c'è dietro la violenza scoppiata a Roma. Tutti i centri sociali i cui nomi sono ben noti città per città. La sinistra, per coprire i violenti, ha mentito parlando di infiltrati. Bugie. Per non far vivere all'Italia nuove stagioni di terrore occorre agire con immediatezza. Chi protesta in modo pacifico e democratico - conclude Gasparri - va diviso dai vasti gruppi di violenti criminali che costellano l'area della sinistra. Solo un deciso intervento può difendere l'Italia". Le parole di Gasparri hanno fatto scattare la dura reazione del Pd. "E' un irresponsabile che gioca con il fuoco. A fronte di un malessere sociale che necessiterebbe risposte politiche, la destra sa offrire assurde ricette poliziesche", ha dichiarato Andrea Orlando, responsabile giustizia dei democratici. "La proposta di Gasparri, a parte il trascurabile fatto che è contraria alla nostra Costituzione come il 'garantista' (per Dell'Utri e Cosentino) Gasparri dovrebbe sapere, avrà come effetto - ha aggiunto l'esponente del Pd - quello di far diventare agli occhi di un'intera generazione degli eroi, vittime della repressione, gli esponenti delle frange violente. Noi riteniamo che la polizia e la magistratura abbiano gli strumenti e le professionalità per fronteggiare i pericolosi fenomeni di violenza, che la politica e le forze sociali devono saper isolare senza l'esigenza di mettere in campo rigurgiti di stampo fascista". L'ex segretario del Pd Walter Veltroni, insieme alla critica, ha lanciato una proposta "E` grave - ha detto - che anche nel mondo politico ci sia chi, penso a Gasparri, sembra voler esasperare il clima. Io credo che compito di chi ha a cuore gli interessi della democrazia e la sicurezza dei cittadini sia esattamente inverso. Per questo propongo che il Prefetto convochi i responsabili dell`ordine pubblici e gli studenti, per fare in modo che le manifestazioni legittimamente convocate si svolgano in un clima civile, isolando provocatori e violenti. Sarebbe bello e opportuno - ha aggiunto Veltroni - che venissero convocati anche i rappresentanti dei sindacati di polizia, perché non può non esservi solidarietà tra i giovani che difendono l`università e rivendicano il loro futuro e quegli altri giovani che, con la divisa addosso e per poche centinaia di euro, difendono le istituzioni e la sicurezza dei cittadini".

Red-Bol

© riproduzione riservata