Martedì 21 Dicembre 2010

Università/ Studenti:Domani una sorpresa, saremo liberi per Roma

Roma, 21 dic. (Apcom) - Tra i corridoi delle facoltà occupate dell'università della Sapienza, a Roma, c'è il massimo riserbo. Non trapelano particolari, i ragazzi dei collettivi non si sbottonano. Non è diffidenza, ma nessuno vuole rovinare "la sorpresa". Perchè domani, quando il Senato approverà in via definitiva la contestatissima riforma Gelmini, a Roma gli studenti torneranno in piazza, come annunciato da giorni, ma il come sarà tutto da vedere. Per le strade della capitale non sfilerà infatti il 'solito' corteo, il classico serpentone verso i palazzi delle Istituzioni. Anzi, la manifestazione dovrebbe addirittura risparmiare il centro storico e non puntare verso il 'triangolo del potere' Camera-Senato-palazzo Chigi, al quale la scorsa settimana era stato tentato l'assalto da una parte dei manifestanti, con immagini di scontri e devastazioni che hanno fatto il giro del mondo. Domani sarà diverso, anche perchè, dicono gli studenti, "il ddl verrà comunque approvato, ne siamo coscienti" e quindi "quello che ci interessa di più sarà rendere chiaro a tutti che gli studenti guardano alla prospettiva, mirano al futuro e chiedono uno sciopero generale contro il governo, perchè ci sia una riappropriazione sociale da basso". Niente assalto alla zona rossa, quindi, nonostante "il clima provocatorio avuto dalla Questura in questi giorni". (segue)

Sav

© riproduzione riservata