Martedì 21 Dicembre 2010

Berlusconi/ Barbara: Credo a mio padre ma scandali amareggiano

Roma, 21 dic. (Apcom) - "Sono vicende che mi hanno amareggiato. Faccio fatica a rispondere serenamente. Vorrei che una lettrice provasse a mettersi nei miei panni. È ovvio che non sono d`accordo con un certo tipo di condotta, ma devo anche credere alle verità di mio padre". Barbara Berlusconi, in una intervista a Vanity Fair, affronta anche il disaggio che da figlia prova nel vedere il frequente coinvolgimento del premier in 'scandali a luce rosse'. La figlia del Presidente del Consiglio si dice però convinto che giudizio politico sul padre e valutazioni sulla sua vita privata, debbano restare ben distinti. "Non ho la sfera di cristallo", dice sul futuro politico del Premier, ma "penso che quelle che mio padre chiama pubblicamente 'debolezze' abbiano inciso sulla sua vita privata, ma anche sulla vita politica". E "il mio dispiacere a volte diventa più forte perché non credo che Silvio Berlusconi premier meriti certi trattamenti. Ha fatto molto e bene per il Paese, si è speso con passione, con orgoglio, e ha conquistato importanti obiettivi. Ma molto si sarebbe potuto evitare se non avesse trascurato l`idea che tutti siamo vulnerabili. E che certi comportamenti possono rendere le cose inutilmente più fragili". In ogni caso, però, "sarebbe ingiusto se della sua straordinaria vita politica si ricordasse solo questa stagione".

Tor

© riproduzione riservata