Mercoledì 22 Dicembre 2010

Ior/ In arrivo dopo Natale normativa Vaticano anti-riciclaggio

Città del Vaticano, 22 dic. (Apcom) - Verrà pubblicata nei prossimi giorni, probabilmente subito dopo Natale, la nuova normativa con la quale il Vaticano intende adeguarsi agli standard internazionali sull'anti-riciclaggio. L'impegno è dettato dal calendario dell'accordo monetario tra lo Stato della Città del Vaticano e l'Unione europea - che prevede un adeguamento entro il 31 dicembre di quest'anno - ed è divenuto impellente dopo che, su segnalazione della Banca d'Italia, la procura di Roma ha aperto un fascicolo sullo Ior. L'indagine ha accertato nei mesi scorsi che alcune operazioni dell'Istituto per le Opere di Religione non rispettano gli standard anti-riciclaggio ed ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati di presidente e direttore generale della 'banca vaticana' (Ettore Gotti Tedeschi e Paolo Cipriani), nonché al sequestro di un fondo di 23 milioni di euro, confermato questa settimana dal Giudice per le indagini preliminari. Firmando la convenzione monetaria con Bruxelles, il 17 dicembre 2009, il Vaticano si è impegnato ad adeguare la propria normativa su tre fronti: la coniazione degli euro con l'effige papale (il Vaticano è tenuto a far circolare una certa quantità delle proprie monete e non riservarle ai soli collezionisti), la prevenzione della frode e la lotta al riciclaggio di denaro sporco. Fonti vaticane confermano che è in dirittura di arrivo la normativa relativa a questi tre ambiti. Il documento dovrebbe avere la forma del 'motu proprio' o del 'chirografo' del Papa. Dovrebbe contenere una sezione che si applica allo Stato della Città del Vaticano e una seconda sezione che si applica alla Santa Sede che, giuridicamente distinta dalla prima, riguarderebbe più specificamente lo Ior e il tema del riciclaggio, e potrebbe avere una diversa tempistica di entrata in vigore. (segue)

Ska

© riproduzione riservata