Mercoledì 22 Dicembre 2010

Ordigno in metro B, Pm Roma indaga per procurato allarme

Roma, 22 dic. (Apcom) - Procurato allarme. E' questa l'ipotesi di reato rubricata dagli inquirenti della Procura di Roma in relazione al presunto ordigno rinvenuto ieri in un vagone della metropolitana sulla linea B, alla stazione di Rebibbia. La fattispecie fa riferimento al fatto che nella tarda serata di ieri le analisi del Ris dei carabinieri hanno accertato che all'interno dei due tubi in ferro non c'era polvere nera atta ad esplodere, ma cemento. Secondo quanto si è appreso il 'pacco' era stato comunque preparato con cura. Lo stesso timer collegato ad alcuni fili elettrici era del tipo che 'scatta' a distanza, in seguito ad esempio di un segnale segnale dal telefono cellulare. Ma oltre alla polvere che non poteva deflagrare risultava assente anche il 'contatto' che permette l'innesco. Chi indaga, allo stato, non si sbilancia. "Siamo ancora nella fase della raccolta delle informazioni", è stato spiegato a piazzale Clodio. I magistrati hanno disposto, tra l'altro, l'acquisizione dei filmati delle telecamere a circuito chiuso.

Nav

© riproduzione riservata