Domenica 26 Dicembre 2010

Un mese senza Yara, continuano ricerche tra speranza e angoscia

Roma, 26 dic. (Apcom) - A un mese dalla scomparsa di Yara, a Brembate continuano, tra "speranza e angoscia" per usare le parole del parroco don Corinno Scotti, le ricerche della 13enne scomparsa nel nulla il 26 novembre scorso. Forze dell'ordine e volontari cercano ancora, anche oggi, nonostante la neve. "Stiamo lavorando, le ricerche continuano e non si fermano", dicono gli investigatori, senza aggiungere altro. Nella chiesa parrocchiale di Brembate Sopra, alla messa di Santo Stefano celebrata dal vescovo di Bergamo, Francesco Beschi, hanno partecipato anche i genitori di Yara, Fulvio e Maura Gambirasio, insieme agli altri figli. E' la prima volta che si sono visti in pubblico ma lo hanno fatto con la riservatezza che li ha sempre contraddistinti: "Erano in disparte dietro l'altare - racconta Don Corinno - mantenendo sempre la loro composta riservatezza". C'erano le autorità, il sindaco, il questore e il comandante dei carabinieri in rappresentanza di tutti coloro, forze dell'ordine e volontari, che sono impegnati costantemente nelle ricerche.

Gtu

© riproduzione riservata