Martedì 28 Dicembre 2010

Fiat/ Bonanni: Sì a nuove regole su rappresentanza, no a Babele

Milano, 28 dic. (Apcom) - "Camusso mi chiede come si concilia il pluralismo sindacale con l'accordo di Mirafiori? Io dico che il pluralismo, fondamento della nostra tradizione sindacale, è fecondo se non è una Babele. Se si fonda sulla regola che, una volta discusso, accertata un'opinione di maggioranza, anche chi dissente a quel punto la sostiene e la riconosce". E' quanto sostiene il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, in un'intervista a La Stampa che si conclude con l'auspicio di una distensione con la Cgil: "Io spero in un ricongiungimento con la Cgil. Ma con regole rispettate da tutti". Bonanni nell'intervista ricorda che la Cisl, quando si è trovata in minoranza, si è sempre comportata di conseguenza, mentre solo la Fiom non rispetta il consenso della maggioranza. "A Pomigliano hanno vinto i sì? Proteste e scioperi. Questa è Babele; il pluralismo è idee che si confrontano e si compongono nella ricerca di una maggioranza", afferma Bonanni. Quanto al tema della nuove regole per stabilire chi sia maggioranza, il leader dell Cisl ritiene "ragionevole arrivare a regole sulla rappresentanza, che per me sono già pronte: quelle contenute nel documento unitario del 2008 di Cgil-Cisl-Uil". Su questa base, Bonanni sostiene la massima dispobilità del suo sindacato a fare un accordo con Confindustria e gli altri sindacati, come chiede la leader della Cgil Susanna Camusso. Tornando all'accordo per Mirafiori e alla possibilità che altre aziende intendano chiedere di investire ma con le regole di Marchionne e senza contratto nazionale, Bonanni sottolinea che "da anni nessuno investe un euro in Italia" e che "non è poca cosa che la Fiat voglia investire in Italia. Non è poca cosa attirare investimenti di altri soggetti. Non è poca cosa porsi il problema di non creare ostacoli all'investitore, e rimuovere quelle condizioni di contesto che frenano. Se qualcuno mi chiede certe garanzie per investire, io dico: discutiamo".

Bos

© riproduzione riservata