Martedì 28 Dicembre 2010

Crisi/ Abi: Famiglie solide, mutui aumentano ma debiti contenuti

Roma, 28 dic. (Apcom) - Le famiglie italiane si confermano "solide", nonostante la debolezza dell'economia. Lo sostiene l'Abi nel terzo report trimestrale su indebitamento e vulnerabilità delle famiglie, realizzato in collaborazione con il ministero del Lavoro. I finanziamenti per la casa, infatti, continuano a crescere favoriti "dall'effetto di calmieramento dei prezzi degli immobili a seguito della crisi" e dal basso livello dei tassi d'interesse. A giugno i prestiti per l'acquisto di abitazioni sono cresciuti del 4,7% (+9,5% a giugno dell'anno scorso), mentre i dati più recenti relativi a ottobre segnalano un incremento dell'8,3%. Il livello d'indebitamento delle famiglie, tuttavia, "rimane contenuto, anche rispetto al confronto internazionale, grazie al basso livello dei tassi d'interesse". Il rapporto tra rata media sui mutui casa e reddito, "pur se in crescita, si è mantenuto su livelli contenuti". A giugno, secondo i dati più recenti, il complesso delle rate assorbiva il 5,2% del reddito di tutte le famiglie, incidenza di un punto più alta rispetto a un anno prima ma inferiore di oltre 2 punti percentuali rispetto alla metà del 2008. L'incidenza delle sofferenze del "debitore famiglia", inoltre, si contiene complessivamente all'1,5% del totale erogato e il suo aumento è pari alla metà di quello segnato durante la recessione del 1992-1993.

Glv

© riproduzione riservata