Venerdì 31 Dicembre 2010

Battisti/ Oggi annuncio di Lula, verso il no all'estradizione

Roma, 31 dic. (TMNews) - Il presidente brasiliano uscente Luiz Inacio Lula da Silva ha deciso di aspettare fino ad oggi per l'annuncio sul caso Battisti. Il quotidiano brasiliano O Globo ha confermato - in sintonia con le informazioni filtrate negli ultimi giorni - che Lula ha comunque già deciso di concedere lo status di rifugiato politico perchè teme per l'incolumità dell'ex terrorista dei Pac se fosse estradato in Italia, come rivendica a gran voce il governo di Roma. La decisione su Battisti è stata presa da mesi, fa notare il quotidiano, ma l'annuncio è stato ritardato fino all'ultimo giorno del mandato presidenziale di Lula. Battisti è rinchiuso nel penitenziario di Papuda, a Brasilia: una volta che la decisione sarà formalizzata da Lula, il Palazzo Presidenziale la invierà alla Corte Suprema federale (Stf) in un comunicato. Spetterà al presidente di questo organismo, Cezar Peluso, revocare il regime carcerario per Battisti, che secondo O Globo ha la possibilità di festeggiare il nuovo anno da uomo libero. Il procuratore generale dell'avvocatura, Luis Inacio Adams, ha già espresso al presidente parere favorevole sulla permanenza dell'ex militante del Pac. Il documento, che raccomanda la concessione dello status di rifugiato politico come la soluzione giuridica per l'impasse, è stato commissionato da Lula. L'intenzione di Lula è sostenere la sua convinzione/posizione con argomenti giuridici, per non incrinare i rapporti bilaterali tra Brasile e Italia. Ma in caso di mancata estradizione, questa sembra un'impresa. In Italia l'ex militante dei Pac (Proletari armati per il comunismo) deve scontare quattro ergastoli per altrettanti omicidi, commessi a fine anni Settanta e per i quali è stato riconosciuto colpevole. Arrestato, Battisti è riuscito a evadere ed è scappato prima in Francia e poi in America Latina.

Coa/Fco

© riproduzione riservata