Giovedì 06 Gennaio 2011

Vittime monossido carbonio nel pavese, indagato proprietario casa

Roma, 6 gen. (TMNews) - E' stato indagato con l'ipotesi di accusa di omicidio colposo plurimo il 67enne proprietario della casa di Landriano, nel pavese, dove ieri sono morte quattro persone di origine egiziana, tutte avvelenate dal monossido di carbonio fuoriuscito a causa di un problema alla caldaia: la madre, 24 anni, all'ottavo mese di gravidanza, il padre, 35enne e i due figli di 3 e 4 anni. La casa e l'impianto di riscaldamento sono stati sequestrati: l'inchiesta, della procura di Pavia, è guidata dal pubblico ministero Roberto Valli. Domani verrà effettuata sulle vittime l'autopsia e, per i funerali, il sindaco di Landriano, Roberto Aguzzi, ha già proclamato il lutto cittadino.

Red/CroAqu

© riproduzione riservata