Domenica 09 Gennaio 2011

Niger/ Uccisi i due francesi rapiti: l'ombra di Al Qaida

Niamey, 9 gen. (TMNews) - Erano giovanissimi i due francesi uccisi in Niger, appena 24 ore dopo la cattura da parte di un gruppo legato ad Al Qaida. I due turisti venivano da Linselles nella Francia del Nord. Antoine De Leocour risiedeva in Niger, dove aveva lavorato per una ong tedesca e dove intendeva rimanere: avrebbe dovuto infatti sposarsi a breve con una ragazza del posto. Il suo amico Vincent Delory lo aveva raggiunto per partecipare al matrimonio. Le famiglie dei due ragazzi abitano a una cinquantina di metri l'una dall'altra in due abitazioni identiche della stessa strada di Linselles. La loro morte comunicata da fonti della sicurezza nigerina è stata confermata dal ministero degli Esteri di Parigi. Per il presidente francese Nicolas Sarkozy, che condanna l'accaduto "con la più grande fermezza", "l'assassinio" dei due giovani è "Un atto barbaro e vigliacco" che spinge la Francia "a lottare senza tregua contro la barbarie terrorista". I sospetti si puntano sul gruppo terroristico di Al-Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi). Le circostanze dell'uccisione non sono chiare. Stamane le forze di sicurezza del Niger avevano affermato di aver localizzato i rapitori nei pressi del confine con il Mali, ad ovest. E' possibile dunque che si sia trattato di un blitz finito male. "Le Forze di difesa e di sicurezza nigerine li hanno intercettati nelle vicinanze della frontiera con il Mali", aveva spiegato ieri il portavoce del governo nigerino, Dan Dah, che aveva aggiunto: "Ci sono stati dei brevi scontri a fuoco con loro. Ma le nostre forze non hanno voluto insistere per paura di ferire gli ostaggi e mettere la loro vita in pericolo". "Comunque abbiamo la loro posizione e i rapitori sono ancora in territorio nigerino", aveva assicurato il portavoce del governo di Niamey. I due francesi erano stati sequestrati venerdì sera in un ristorante in pieno centro di Niamey. Altri cinque francesi, rapiti sempre in Niger, sono dallo scorso settembre ostaggi del gruppo terroristico al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi).

fcs-ihr-aqu

© riproduzione riservata