Domenica 09 Gennaio 2011

Salerno, uccide l'amico a coltellate: arrestato un 36enne

Roma, 9 gen. (TMNews) - Ha ucciso a coltellate l'amico con il quale condivideva l'appartamento, al culmine di un litigio scaturito per futili motivi: è successo nella notte, attorno all'una, a Bellizzi, nel salernitano. S.P. napoletano di 36 anni, disoccupato, tossicodipendente, ha ucciso con un coltello da cucina pugnalandolo più volte alla schiena ed al tronco l'amico Massimo Campagnano, nato ad Eboli, di 47 anni e anche lui disoccupato, con il quale condivideva l'appartamento. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Battipaglia e delle stazioni di Bellizzi, Pontecagnano e Montecorvino Pugliano, intervenuti dopo una segnalazione giunta al 112, hanno fatto irruzione nell' abitazione e hanno arrestato l'omicida, che ha tentato di reagire scagliandosi contro i militari. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. Il cadavere di Campagnano, spiegano i militari, è stato trovato nelle vicinanze dell'abitazione, su una strada sterrata, dove la vittima si era trascinata nel tentativo di fuga. La salma è stata trasportata nella sala mortuaria dell'ospedale di Battipaglia ed è a disposizione della Procura della Repubblica di Salerno, diretta da Franco Roberti, che ha disposto l'autopsia. Il casolare è stato sottoposto a sequestro. Il sopralluogo è stato effettuato dai militari della sezione investigazioni scientifiche del reparto operativo del provinciale di Salerno. L'arrestato, ultimate le formalità di rito, è stato portato nel carcere di Salerno.

Apa

© riproduzione riservata