Mercoledì 19 Gennaio 2011

Fiat/ Angeletti: Estendere accordo? Prima vediamo come funziona

Roma, 19 gen. (TMNews) - Il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, frena sull'idea lanciata dall'ad di Fiat, Sergio Marchionne di adottare il nuovo modello anche per gli altri stabilimenti, da Melfi a Cassino: "Non è questo il momento - spiega Angeletti - prima vediamo come funzionano gli accordi che abbiamo fatto". In un'intervista al quotidiano "La Stampa", commentando le dichiarazioni rilasciate ieri dal numero uno del Lingotto, Angeletti sottolinea come le situazioni siano diverse da stabilimento a stabilimento: "Melfi e Cassino hanno una chiara missione produttiva - spiega Angeletti - voglio vedere come funzionano gli accordi appena fatti" e poi "sta arrivando il momento di parlare di aumenti salariali". "Abbiamo fatto una scommessa sul futuro di Fiat - continua il leader Uil - pensiamo prima o poi di passare a rischiotere. Direi che questo avverrà presto, magari già nel 2012". Per quanto riguarda l'eventuale rientro di Fiat in Confindustria, Angeletti auspica che il punto d'arrivo "sia un sistema che veda gli stabilimenti Fiat dentro un contratto nazionale unico all'interno di Confindustria", ovvero due livelli, "una cornice omogenea di regole e poi dei contratti nazionali, non di gruppo ma di stabilimento". Nonostante i tanti "no" di Mirafiori "la fabbrica sarà governabile", dice il numero uno della Uil che apprezza "l'atteggiamento assolutamente positivo" di Susanna Camusso.

Sto

© riproduzione riservata