Mercoledì 19 Gennaio 2011

Ruby: Mai fatto la prostituta, mai detto essere nipote Mubarak

Cologno Monzese (Milano), 19 gen. (TMNews) - Karima El Mahroug, detta Ruby, nega di essersi prostituita e afferma di non avere mai detto di essere la nipote del presidente egiziano Hosni Mubarak. Lo ha detto la stessa ragazza marocchina durante un'intervista concessa ad Alfonso Signorini per il suo programma 'Kalispera' che andrà in onda questa sera su Canale 5. Ruby ha aggiunto di avere passato anni a raccontare agli altri una propria "vita parallela" e ha precisato che durante i suoi incontri con Silvio Berlusconi il premier non l'ha mai toccata "neanche con un dito". "Non ho mai fatto la prostituta, so che il mio ragazzo me lo rinfaccerebbe ma devo dire che ci ho anche provato", ma una volta in stanza con il cliente "ho urlato - ha raccontato la ragazza - e lui mi ha lasciato lo stesso mille euro dicendomi di fare il possibile per non farlo. Non ho mai sperato nella prostituzione". Quanto alla serata del 14 febbraio 2010, quella in cui conobbe Silvio Berlusconi ad Arcore, Ruby ha detto di essere stata presentata al premier da un'amica come una ragazza "in difficoltà. Ho detto che avevo 24 anni e ho trovato un uomo interessato ad ascoltarmi a differenza degli psicologi avuti nelle comunità dove sono stata. Ho detto la mia storia in sincerità tranne che sul nome, sull'età e sulla nazionalità. Ho raccontato di essere egiziana, ma non la nipote di Mubarak". La cena ad Arcore, ha continuato la ragazza, "è stata una serata tranquilla, una cena normale da un amico normale perché è la sensazione che dava. Me ne sono andata appena finita la cena dicendo che ero stanca perché in quel periodo facevo la cameriera". Quanto alla presunta richiesta di 5 milioni di euro al premier in cambio del suo silenzio Ruby ha detto di non riconoscersi in quelle parole: "Non poteri arrivare a dire una frase del genere". La ragazza ha infine auspicato di essere chiamata al più presto dai pm sui quali, a suo parere, "bisogna accertarsi". (Segue)

Asa/Ral

© riproduzione riservata