Lunedì 31 Gennaio 2011

Falsi poveri e finti invalidi, nel 2010 denunciati in 5 mila

Roma, 31 gen. (TMNews) - Attestavano bassi tenori di vita, fruendo dallo Stato e da altri enti pubblici di agevolazioni che non gli spettavano (come borse di studio, contributi sugli affitti ed altri sussidi) e che, invece, potevano essere destinate ai veramente bisognosi. Al contrario, però, possedevano belle case e auto di lusso. Sono stati quasi 5 mila (4.486) i falsi invalidi o finti poveri scoperti e denunciati in Italia nel corso del 2010 dalla Guardia di Finanza. In Veneto, spiega il report annuale delle Fiamme Gialle, qualcuno chiedeva contributi per pagare l'affitto di casa, ma guidava auto di pregio, oppure in Toscana dei proprietari di lussuosi appartamenti nel centro di Firenze chiedevano buoni per le mense scolastiche e per l'acquisto dei libri per i figli. Ma le truffe non risparmiano neanche il Sud: in Calabria un commerciante otteneva l'esenzione del ticket sanitario per dichiarata indigenza, peccato che possedeva 90 immobili.

Sav

© riproduzione riservata