Lunedì 31 Gennaio 2011

Siria/ Assad: governo è stabile, perché siamo vicini alla gente

Roma, 31 gen. (TMNews) - Il presidente siriano Bashar Assad non teme che l'ondata di rivolta nel Nord Africa lambisca anche le coste siriane. "La Siria è stabile. Perché? Perchè bisogna essere molto vicini ai sentimenti della proprio popolo. Questo è il nocciolo della questione", assicura il capo di stato siriano in una lunga intervista al Wall Street Journal. Assad, 45 anni, succeduto al padre Hafez al Assad alla guida del paese, preconizza una "nuova era" per il Medio Oriente e ammette che i governi arabi hanno bisogno di fare di più per rispondere alle crescenti aspirazioni politiche ed economiche dei propri cittadini. "Se non si vedono in tempo i bisogni di riforme, accade quello che è accaduto in Egitto e Tunisia, e allora è già troppo tardi", ha detto Assad al giornale americano. In Siria, come in Egitto, sono in vigore da decenni leggi da stato di emergenza che consentono l'arresto e la detenzione di persone senza una formale incriminazione. Il sistema monopartitico vigente a Damasco e il controllo governativo sui media sono considerati da molti osservatori e ong ancora più rigidi di quelli esistenti in Egitto.

Fcs

© riproduzione riservata