Giovedì 03 Febbraio 2011

Egitto/ Il Cairo: 8 morti e oltre 1.000 feriti in ultime 24 ore

Roma, 3 feb. (TMNews) - Otto morti e oltre 1.000 feriti: è questo il bilancio delle vittime degli scontri in corso da ieri tra i manifestanti pro e contro il Presidente egiziano Hosni Mubarak. La televisione di Stato ha riferito di cinque persone morte e più di 800 rimaste ferite dai colpi di arma da fuoco esplosi questa mattina contro i dimostranti che da ormai 10 giorni manifestano contro Mubarak in piazza Tahrir, al Cairo. Gli spari sono iniziati attorno alle 4 locali (3 in Italia) e sono andati avanti per un'ora. Altre tre persone erano rimaste uccise e più di 639 ferite negli scontri scoppiati ieri in piazza Tahrir, stando al bilancio fornito dal ministero della Sanità. Un organizzatore delle proteste contro Mubarak, Mustafa el Nagger, ha raccontato alla televisione araba al Jazeera che i colpi di arma da fuoco sono stati esplosi questa mattina da almeno tre punti diversi e che l'esercito egiziano è entrato in piazza con i carri armati per garantire l'ordine. Un regista di al Jazeera ha assistito alle prime cure offerte dai medici a due delle vittime, una delle quali raggiunta alla testa: "C'era una pozza di sangue sotto l'uomo, ma era ancora vivo e potrebbe sopravvivere". Gli spari contro i manifestanti hanno inasprito la situazione, già tesa dopo gli scontri di ieri: i sostenitori del presidente hanno anche lanciato bombe molotov e ordigni artigianali contro i manifestanti dell'opposizione, che hanno eretto barricate attorno alla piazza, stando al racconto di Al Jazeera. Migliaia di dimostranti hanno trascorso la notte in piazza Tahrir, organizzandosi in gruppi per controllare gli accessi alla piazza e scongiurare un eventuale attacco dei sostenitori del Presidente. Da Washington, il Segretario di stato Usa, Hillary Clinton, ha telefonato al vicepresidente egiziano Omar Suleiman per condannare le violenze di ieri, definite "uno sviluppo scioccante dopo molti giorni di manifestazioni sempre pacifiche". (con fonte Afp)

Sim

© riproduzione riservata