Lunedì 07 Febbraio 2011

Francia/ Rivolta magistrati, udienze sospese anche oggi

Parigi, 7 feb. (TMNews) - La rivolta senza precedenti dei magistrati francesi, innescata da alcune critiche del presidente Nicolas Sarkozy dopo l'omicidio di una giovane di 18 anni, dovrebbe proseguire anche oggi, con rinvii di udienze previsti in tutta la Francia, fino alla mobilitazione nazionale di giovedì. Delle assemblee generali di magistrati sono in programma in numerosi distretti giudiziari per decidere le sospensioni delle udienze come a Marsiglia, Nizza, Nancy e Metz e Caen. Partito il 3 febbraio da Nantes, il movimento si è esteso a macchia d'olio. Dall'indomani, i magistrati di diverse città (Rennes, Quimper, Bayonne, Besancon e Basse-Terre in Guadalupa) avevano deciso di rinviare tutte le attività non urgenti fino a giovedì. Questa rivolta inedita è avvenuta a seguito di alcune dichiarazioni di Nicolas Sarkozy che ha tirato in causa la responsabilità dei giudici e dei poliziotti nella morte di una giovane di 18 anni, Laetitia, il cui corpo è stato ritrovato straziato, e per il quale il sospetto è un delinquente recidivo. Sarkozy aveva affermato che dei "gravi disservizi" della polizia e della magistratura avevano permesso la rimessa in liberta di quest'uomo, Tony Meilhon. Il presidente aveva promesso delle sanzioni. Il segretario nazionale dell'Unione sindacale dei magistrati (Usm, maggioritario) Nicolas Léger ha lanciato un appello "alla sospensione delle udienze in tutta la Francia fino alla mobilitazione nazionale prevista il giovedì 10 febbraio".

Ihr

© riproduzione riservata