Sabato 12 Marzo 2011

Giappone/ Sicurezza nucleare: interessati 11 reattori su 55

Parigi, 12 mar. (TMNews) - Sui 55 reattori nucleari in servizio in Giappone, undici sono stati interessati dal violento terremoto che ha colpito ieri mattina le zone nordorientali del Paese. Si tratta dei reattori delle centrali di Fukushima Daichi, di Fukushima Daini e di Onagawa: in particolare, i problemi principali riguardano il reattore numero due dell'impianto di Fukushima Daini, la cui pressione interna è aumentata pericolosamente a causa del mancato intervento del sistema di raffreddamento di emergenza. Si tratta di un reattore del tipo "ad acqua bollente" (Bwr), uno dei progetti di più larga diffusione e utilizzato in numerosi impianti nipponici. La reazione nucleare del nocciolo produce calore, che a sua volta provoca l'ebollizione dell'acqua e quindi vapore: questo aziona direttamente una turbina per generare elettricità, poi viene raffreddato tramite un condensatore e l'acqua pompata di nuovo nel reattore, completando così il ciclo. Il problema è che anche quando il reattore viene spento e la reazione nucleare cessa, all'interno rimane un calore elevato che deve essere dissipato da un adeguato sistema di raffreddamento: tale sistema è quello che non è entrato automaticamente in funzione non appena il reattore si è chiuso a causa della scossa sismica.

mgi

© riproduzione riservata