Lunedì 14 Marzo 2011

Calcio/Derby "al laser",l'esperto:Muslera non è stato infastidito

Roma, 14 mar. (TMNews) - Il laser puntato sul volto del portiere Muslera prima del gol segnato su punizione da Totti, nel derby giocato ieri all'Olimpico e vinto dalla Roma per 2-0 sulla Lazio nella ventinovesima giornata del campionato di Serie A, "non può dare problemi a livelli della retina dell'occhio" e "non può avere creato delle difficoltà" al portiere biancoceleste. Lo sostiene lo specialista in oculistica Massimiliano Tedeschi, interpellato sul tema da Radio Sportiva. L'esperto boccia così in pieno la tesi portata avanti ieri dopo la partita dal presidente Claudio Lotito, che, denunciando con veemenza il fatto nel dopo partita, aveva anche lasciato intendere la possibilità della Lazio di rivolgersi alla giustizia sportiva per valutare la possibilità di eventuali ricorso. "Muslera non stropiccia mai gli occhi", spiega Tedeschi. "E' comprensibile, in quei momenti, la presa di posizione del presidente Lotito, ma quel laser lo nota chi lo vede invece chi lo riceve. In situazioni come quelle di ieri, il laser di per sè, indirizzato da quelle distanze, dovrebbe colpire proprio la pupilla per causare disturbo. Invece Muslera è colpito sul volto, sulla fronte, sulle guance". La punizione di Totti che sblocca il risultato al 25', per la cronaca, filtra in mezzo alla barriera che colpevolmente si apre davanti al portiere della Lazio, che oltre tutto si lascia passare il pallone, indirizzato centralmente contro di lui, sotto il corpo.

CAW

© riproduzione riservata