Lunedì 14 Marzo 2011

Giappone/ Sisma: almeno 5mila vittime, mezzo milione di sfollati

Roma, 14 mar. (TMNews) - E' praticamente impossibile avere un bilancio anche approssimato del numero di vittime provocate dal devastante terremoto/tsunami che ha devastato venerdì il nordest del Giappone. Secondo l'agenzia di stampa Kyodo, tra morti e dispersi, siamo già oltre quota 5mila. Solo oggi sono stati rinvenuti 2mila corpi senza vita in due spiagge della prefettura di Miyagi. Mille di questi corpi sono a Minamisanriku, il piccolo centro costiero spazzato via dallo tsunami dove, secondo la polizia della prefettura, mancherebbero all'appello qualcosa come 10mila persone. Per questo, a Tokyo si ritiene che il bilancio finale della catastrofe supererà i 10mila morti. Il governo sta cercando di mobilitare quante più forze possibili nei soccorsi. Ieri il primo ministro Naoto Kan ha raddoppiato il numero dei soldati inviati nel Tohoku da 50 a 100mila. Sono anche man mano in arrivo squadre di soccorso straniere, da 70 paese, a partire dagli Stati uniti che ha mandato navi da guerra ed esperti. Per la prima volta, inoltre, Tokyo ha accettato l'aiuto anche di paesi con cui i rapporti diplomatici sono tradizionalmente tesi: la Russia, la Cina e la Corea del Sud. Gli elicotteri volano sulle zone colpite e lanciano cibo sui residenti che sono rimasti isolati. Nei rifugi - per lo più scuole ed edifici pubblici - si sono rifugiati qualcosa come 550mila sfollati, secondo la Kyodo. A loro manca ancora tutto. C'è carenza di cibo, di pannolini per i bambini, medicine soprattutto per le persone più anziane e malate. Ma in particolare di coperte e di stufe. Il Tohoku è una delle zone più fredde del Giappone e le previsioni meteorologiche sono negative per le prossime ore. Tutto questo mentre continuano senza soluzione di continuità le repliche del sisma di magnitudo 9 che venerdì ha prodotto lo tsunami le cui onde hanno raggiunto i 10 metri di altezza. Scosse telluriche di magnitudo cinque e sei continuano a essere percepite in tutto il Giappone orientale e, secondo i sismologi, resta elevata per i prossimi giorni la probabilità che si produca un sisma di magnitudo 7. In otto prefetture e nella capitale Tokyo da oggi è iniziata, anche se con ritardo di diverse ore, l'applicazione di un piano di risparmio energetico che prevede black-out programmati a turno.

Mos

© riproduzione riservata