Sabato 26 Marzo 2011

Tunisia/Frattini: 2.500 dollari a migrante che accetta rimpatrio

Roma, 26 mar. (TMNews) - Fino a 2.500 dollari a ogni clandestino giunto in Italia che accetterà di rientrare volontariamente nel suo Paese e un pacchetto di aiuti economici alla Tunisia in modo che possa affrontare in modo autonomo il problema sottosviluppo che è alla radice dell'ondata migratoria: queste le proposte presentate ieri a Tunisi dal ministro degli Esteri Franco Frattini, intervistato dal Quotidiano Nazionale. "Il modo migliore per favorire le transizioni democratiche è sostenerne il rilancio economico. Se l'Europa non è pronta, noi crediamo che sia opportuno iniziare a prendere impegni nazionali. E così abbiamo offerto da un lato un sostegno per il bilancio del Paese nordafricano con una linea di credito da 95 milioni di euro, e dall'altro abbiamo predisposto un pacchetto di aiuti che incida sui settori che hanno un valore aggiunto, a cominciare dalle piccole e medie imprese. Una proposta globale che cerca di affrontare le radici del problema", ha spiegato il ministro, che ha "ben presente" anche il problema rappresentato nel breve periodo da Lampedusa: "Abbiamo fatto fronte a una richiesta di fuoristrada, motovedette, radar che arriverà a fornire aiuti per 70 milioni di euro e abbiamo pure aggiunto la disponibilità di addestratori di polizia. A questo ha corrisposto l'impegno del governo tunisino di cominciare con effetto immediato un controllo piu stringente per bloccare le partenze". Quanto al rimpatrio dei clandestini, principio accettato da Tunisi, "per favorire questo processo abbiamo proposto che ogni tunisino che accetta volontariamente il rimpatrio sia accompagnato da un aiuto economico che il governo italiano è pronto a mettere a disposizione per aiutare il suo reinserimento sociale. L'Oim, l'organizzazione delle migrazioni, dà una 'dote' di 1.500 dollari. Noi possiamo superare questo importo, fino a 2.000 o magari 2.500 dollari, dando così la possibilità di creare le condizioni per un rientro di migliaia di persone".

Mgi

© riproduzione riservata