Domenica 03 Aprile 2011

Ruby/ Berlusconi non ci sarà, ma nessun legittimo impedimento

Milano, 3 apr. (TMNews) - Il presidente del consiglio Silvio Berlusconi non sarà in aula mercoledì prossimo all'avvio del processo per il caso Ruby dove è imputato di concussione e prostituzione minorile, ma i suoi difensori non chiederanno alcun rinvio per legittimo impedimento. Lo dice l'avvocato Piero Longo. Sarà celebrata l'udienza dove i giudici della quarta sezione del Tribunale dovranno "smistare" insieme a quello del premier altri tre processi: uno per tentato omicidio, uno per tentata rapina e un altro ancora per abuso d'ufficio. Saranno rinviati ad altra data. Nel processo per il caso Ruby sarà fatto un calendario delle prossime udienze. Non si sa ancora se la ragazza marocchina, minorenne all'epoca dei fatti e considerata persona offesa dal reato di prostituzione minorile, si costituirà o meno parte civile. Da ambienti legali si apprende che la decisione sarà presa solo martedì sera, alla vigilia del processo. Ruby comunque non parteciperà alla prima udienza e sarà in aula solo quando dovrà testimoniare, citata sia dall'accusa sia dalla difesa. Non si costituiranno nella causa i funzionari della questura e il ministero dell'Interno in relazione alla telefonata della notte tra il 27 e il 28 maggio del 2010 fatta da Berlusconi per far affidare l'allora minorenne a Nicole Minetti. Domani infine i vertici del palazzo di giustizia di Milano faranno conoscere la scelta definitiva in merito alla presenza o meno delle telecamere in aula.

Frk

© riproduzione riservata