Domenica 10 Aprile 2011

Islanda/ Referendum su indennizzi a Gb e Olanda, i 'no' in testa

Reykjavik, 10 apr. (TMNews) - Chiusi i seggi in Islanda per il referendum sull'accordo Icesave, la banca on-line che, fallita nel 2008, ha defraudato centinaia di migliaia di risparmiatori britannici e olandesi. Alla chiusura dei seggi il 'no' è in vantaggio, secondo i dati parziali comunicati dalla commissione elettorale. Lo scrutinio parziale in tre circoscrizioni dell'Islanda - ha informato la radio pubblica Ruv - danno il "no" in testa con 7.685 voti a fronte di 5.286 "sì", secondo i primi dati forniti dalla commissione. Questo significa una bocciatura dell'accordo per il risarcimento di 3,9 miliardi di euro a Londra e all'Aja. Già nel marzo 2010, un referendum era stato convocato su un accordo meno favorevole per Reykjavik, e bocciato dal 93% dei votanti. Negoziato con Regno Unito e Olanda, l'accordo prevede il rimborso per circa 340.000 vittime britanniche e olandesi del fallimento della Icesave, avvenuto durante la crisi finanziaria - nell'autunno del 2008 - che ha rovinato l'Islanda. Per la leader del governo di coalizione di centro-sinistra, Johanna Sigurdardottir, il 'sì' all'accordo è fondamentale. "Più il caso Icesave resterà irrisolto, più le sue conseguenze saranno gravi per la nostra nazione" ha dichiarato. I favorevoli al 'no' affermano che l'accordo "costituisce un peso incredibile" per gli islandesi; inoltre, sottolineano che "i cittadini non possono assumersi le perdite di una banca privata". Per i favorevoli al 'sì', l'accordo serve "per guardare avanti": sostenuto dal governo e dal principale partito di opposizione, serve per limitare i costi e i rischi per l'Islanda. Il presidente islandese, Ragnar Grimsson, si è rifiutato a febbraio - come per l'accordo precedente - di promulgare la legge varata dal Parlamento, preferendo sottometterla al giudizio dei cittadini. L'accordo - che prevede un pagamento rateale fino al 2046 - peserà sulle spalle di ogni islandese - interessi esclusi - per quasi 12.200 euro.

Est/Rcc

© riproduzione riservata