Lunedì 11 Aprile 2011

Egitto/ Mubarak sarà interrogato. "Non ho soldi all'estero"

Il Cairo, 11 apr. (TMNews) - Hosni Mubarak è tornato a parlare per la prima volta dalla sua 'caduta' e nelle stesse ora la procura lo ha convocato per l'inchiesta sulle violenze contro i manifestanti durante la rivolta che lo ha costretto alle dimissioni. L'ex presidente egiziano, in messaggio audio diffuso da Al Arabiya, si è detto vittima di una "campagna ingiusta" e ha assicurato di non possedere beni o conti all'estero. "Non posso assistere in silenzio alle campagne diffamatorie e ai tentativi di attaccare la mia reputazione e la mia integrità, come la reputazione e l'integrità della mia famiglia" ha affermato ieri l'ex capo di stato, costretto alle dimissioni l'11 febbraio dalle pressioni pressione della popolazione, che chiedeva cambiamento e riforme. Mubarak ha parlato poi di "campagna ingiusta", per cui ha "sofferto molto", assicurando che né lui né la moglie Suzanne hanno "beni o conti all'estero", proprio quando le nuove autorità egiziane hanno annunciato la creazione di una commissione d'inchiesta sui suoi averi e su quelli dei familiari. Oltre all'ex presidente, la procura generale egiziana ha convocato anche i suoi figli. Mubarak, ha riferito l'agenzia ufficiale Mena, è anche accusato di corruzione. E ieri è stato arrestato Ahmad Nazif, l'ex primo ministro cacciato nei primi giorni della rivolta di piazza contro il regime di Hosni Mubarak, al Cairo. L'uomo è accusato di corruzione, hanno riferito fonti giudiziarie.

Orm/Pca

© riproduzione riservata