Mercoledì 27 Aprile 2011

Solare/ Operatori stranieri avviano contenzioso contro Stato

Roma, 27 apr. (TMNews) - Prime importanti reazioni alla bozza del nuovo decreto ministeriale che stabilisce le nuove tariffe incentivanti per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio a partire dal 31 maggio 2011 (il cosiddetto Quarto conto energia). Un gruppo di operatori stranieri (Photovoltaic Operators Investors) che include Aes Solar Energy BV, Akuo Energy Sas, Fotowatio Renewable Ventures, Martifer Solar, Siliken Solarig N-Gage e Wurth Solar GmbH & co. KG ha intrapreso, con funzione anche preventiva una procedura contro lo Stato italiano. La procedura è stata presa - spiega una nota - ai sensi dell'articolo 26 del Trattato sulla Carta dell'Energia firmato a Lisbona il 17 dicembre 1994. Gli operatori hanno inviato una lettera alla Presidenza del Consiglio, ai ministeri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente, alla segreteria del Consiglio dei ministri e alla presidenza della Conferenza Stato-Regioni, in cui sottolineando gli aspetti critici della bozza e attivano la procedura. Lamentano, infatti "di aver avviato in Italia importanti investimenti nel settore dell'energia solare" che ora sono a rischio. Per i ricorrenti le previsioni normative contenute nel Quarto conto energia violano gli obblighi nascenti dal Trattato di promozione e tutela degli investimenti previsti dall'articolo 10 del Trattato sulla carta dell'energia.

Rbr

© riproduzione riservata