Mercoledì 27 Aprile 2011

Biotestamento/Premier a Pdl: Ora responsabili, ddl condivisibile

Roma, 27 apr. (TMNews) - La legge sul biotestamento che approderà a breve nell'aula della Camera rappresenta una "mediazione alta" e "largamente condivisibile" davanti alla quale i deputati del Pdl sono chiamati alla "responsabilità" conciliabile con le proprie "convinzioni personali". Il premier Silvio Berlusconi ha inviato ai deputati azzurri una lettera nella quale chiede loro "partecipazione ed impegno" per far passare una legge che gli sta "particolarmente a cuore". "Nel nostro partito, che rispetta profondamente le libere convinzioni di ciascuno esistono sensibilità diverse su questo tema e non è mia intenzione - scrive il premier - chiedere che queste convinzioni personali siano sacrificate o compresse. Credo però che il lungo lavoro sul testo di legge abbia portato a un risultato largamente condivisibile di sintesi e mediazione alta. Questa legge sancisce per la prima volta il principio laico di 'consenso informato' per cui nessun trattamento sanitario può essere compiuto sul paziente senza che questi abbia espresso il proprio consenso assicurando così la libertà di cura. Nello stesso tempo traccia un confine netto con l'eutanasia evitando anche i rischi di accanimento terapeutico".

Vep

© riproduzione riservata