Mercoledì 08 Giugno 2011

Per l'Onu l'accesso a Internet fra i diritti umani fondamentali

Roma, 8 giu. (TMNews) - Le Nazioni Unite hanno stabilito che l'accesso a Internet è un diritto fondamentale dell'umanità. E che bloccarlo equivale a violare la convenzione internazionale sui diritti civili e politici. Il rapporto pubblicato alcuni giorni fa dal relatore speciale Frank La Rue - e successivamente diffuso dai principali blog e siti internazionali tematici - suona come un'accusa a quei paesi, come Francia e Regno Unito, che stanno limitando l'accesso al Web in tutela del copyright ma anche a quei governi che bloccano la rete per contrastare la protesta politica, come accaduto in Siria, in Iran o in Cina. Il rapporto dell'Onu parla chiaro: "Togliere l'accesso degli utenti a Internet è una misura sproporzionata, qualunque ne sia il motivo, compresa la tutela del diritto d'autore. E' una violazione dell'articolo 19, paragrafo 3, della Convenzione internazionale dei diritti civili e politici". Anche la censura impiegata come strumento anti-terrorismo non è accettabile, secondo le Nazioni Unite: "Simili leggi - prosegue il rapporto - sono spesso giustificate con la necessità di proteggere la reputazione degli individui, la sicurezza nazionale e di contrastare il terrorismo. Tuttavia, nella pratica, sono spesso impiegate per censurare i contenuti con cui un governo e altre entità di potere non sono d'accordo". In questo caso, il riferimento indiretto sembra proprio a Wikileaks. Da qui, "il Relatore Speciale invita tutti gli Stati a far sì che l'accesso a Internet sia sempre disponibile, anche durante i periodi di rivolte politiche". E, "in particolare, il Relatore Speciale invita gli Stati a ritirare o emendare le leggi esistenti sulla tutela della proprietà intellettuale che autorizzano la disconnessione degli utenti dall'accesso al Web, e comunque ad astenersi dall'adozione di simili provvedimenti". "Visto che Internet è diventato uno strumento indispensabile per la realizzazione di tutto uno spettro di diritti umani, oltre che per combattere la disuguaglianza e accelerare lo sviluppo e il progresso umano, assicurare l'accesso universale a Internet dovrebbe essere una priorità per tutti gli Stati" conclude il rapporto Onu. I governi dovrebbero quindi "sviluppare politiche concrete ed efficaci, in consultazione con esponenti di tutte le componenti della società, compreso il settore privato e le autorità competenti, per rendere Internet ampiamente disponibile, e accessibile fisicamente ed economicamente per tutti i segmenti della popolazione".

Spr

© riproduzione riservata