Giovedì 09 Giugno 2011

Libia/ Gruppo di contatto riunito; Nato fatica a trovare rinforzi

Abu Dhabi, 9 giu. (TMNews) - E' in corso ad Abu Dhabi la riunione del gruppo di contatto sulla Libia e l'italia anticipa nuovi aiuti per gli insorti ma a Bruxelles la Nato fatica a trovare rinforzi per allargare ad altri paesi il coinvolgimento nella missione. L'Italia - ha ribadito oggi il ministro degli Esteri Franco Frattini ad Abu Dhabi - si è impegnata a fornire fondi al Consiglio nazionale di transizione di Bengasi per 300-400 milioni in cash e in linea di credito e altri 150 milioni in carburante". I fondi, ha aggiunto, saranno garantiti dai beni congelati in Italia e dal petrolio estratto e lavorato in futuro dal nuovo governo libico. Oltre che sugli aiuti, il gruppo di contatto prosegue a lavorare attorno ad un'ipotesi di trnsizione nel paese. Obiettivo del vertice odierno, al quale prenderà parte anche il segretario di Stato Usa Hillary Clinton, è cominciare a discutere del futuro della Libia senza il colonnello. La strategia, come ha precisato alla vigilia il portavoce della Farnesina Maurizio Massari, sarà ancora quella del "doppio binario": da una parte "la crescente pressione diplomatica, economica e militare sul regime", dall'altra "il sostegno forte al Consiglio nazionale di transizione" di Bengasi. D'altra parte, ieri a Bruxelles ha ricevuto un'accoglienza molto fredda la richiesta del segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen agli alleati di "ampliare il loro sostegno" all'operazione 'Unified Protector' in Libia, fornendo più mezzi militari o consentendo più flessibilità nel loro utilizzo. "Nessuno", ha risposto il ministro della Difesa spagnolo, signora Carme Chacon, ai cronisti che le chiedevano quali paesi si fosseri dichiarati disconibili ad accettare la richiesta di Rasmussen. Mentre la Svezia, che fa parte della coalizione pur non essendo nella Nato, va nel senso contrario, con una riduzione del suo impegno, da cinque a otto aerei, e la Norvegia ha annunciato che non effettuerà più bombardamenti dopo il 24 giugno.

vgp

© riproduzione riservata