Martedì 14 Giugno 2011

Musica/ Vasco Rossi: I figli unica ragione di vita

Milano, 14 giu. (TMNews) - "Ecco sto male! Non voglio destare preoccupazioni, ma mi sono stancato di dire "sto bene". Basta dire le cose per convenienza. Posso dire che sto bene se da' fastidio, ma sono sincero quando dico che sto male, perche' non e' che questa vita sia incredibile. Non e' un buon momento per nessuno". Vasco Rossi si sfoga a Oggi, in una lunga intervista che il settimanale pubblica domani. Continua il cantante, alla vigilia della tournee che lo vedra' nei prossimi giorni allo stadio di San Siro: "La felicita' e' un attimo. Quando sono a meta' concerto ho dei momenti di felicita', poi chiaramente la vita... Sono un carattere di quelli che hanno il famoso male di vivere. Non so cosa sia. Quando c'e' la gente sono un tipo solare, ma non appena sono solo... Ho cosi' tanta soddisfazione dal punto di vista artistico che per forza devo pagare una sofferenza". Nell'intervista Vasco Rossi parla, ed e' una delle poche volte, anche della compagna e dei figli: "Ho pensato che la cosa piu' spericolata che una rockstar come me potesse fare era una famiglia. Invece di stare in uno stupido hotel ho voluto fare quella sfida li'. Grazie a Laura, che praticamente l'ha tenuta in piedi di peso perché lei e' l'artefice, sono riuscito anche in quello. Luca ha vent'anni ormai. Un giorno pensavo che non avrei mai dato la vita per niente e per nessuno. Poi ti accordi di essere padre e senza neanche pensarci daresti immediatamente la vita per i tuoi figli". E ancora: "I fan sono quelli che mi danno l'energia di essere ancora qua come Vasco Rossi. Mentre l'energia di Vasco sono Luca, Lorenzo e Davide (gli altri due figli del Blasco, ndr). Sono la ragione vera per essere in questa splendida valle di lacrime". Poi Vasco parla anche della malinconia presente nel suo ultimo album: "Fino a 50 anni sono stato solare, poi e' cambiato qualcosa. Ho avuto una crisi terrificante nel 2000? Avevo tutto, si' avevo tutto. Cosa mi mancava? Non lo so".

Spt

© riproduzione riservata