Giovedì 23 Giugno 2011

Crisi/ Confindustria: Economia è in affanno, la crescita rallenta

Roma, 23 giu. (TMNews) - L'economia italiana "fatica a riprendere slancio". A lanciare l'allarme è il Centro Studi di Confindustria che ha tagliato le previsioni di crescita del Paese: +0,9% nel 2011 dal +1,1% previsto lo scorso dicembre. Per quest'anno il governo ha stimato, nel Def, una crescita dell'1,1%. Il Csc ha rivisto al ribasso anche le stime del 2012, con un Pil all'1,1% in calo rispetto all'1,3% precedentemente previsto. E, senza l'immediato varo di un "sostanzioso programma di riforme strutturali", nel 2012 si rischia una crescita dimezzata allo 0,6%. "L'unico modo per centrare obiettivi ambiziosi ma obbligati di azzeramento del deficit e insieme evitare la stagnazione è varare subito misure strutturali", osserva Confindustria. Altrimenti diverrebbero necessarie manovre aggiuntive che lo stesso governo ha stimato pari ad "altri 18 miliardi di euro oltre ai 39" già previsti.

Mlp

© riproduzione riservata