Mercoledì 29 Giugno 2011

Grecia/ Piano di austerity passa per 4 voti, scontri in piazza

Roma, 29 giu. (TMNews) - Il parlamento greco ha adottato oggi il piano di austerità pluriennale indispensabile per ottenere gli aiuti europei ed internazionali necessari ad evitare un default del Paese. Il piano, che prevede 28,4 miliardi di tagli e 50 miliardi di privatizzazioni, ha ricevuto un totale di 155 voti su 300, con un voto contrario di un deputato socialista dissidente e il voto a favore di una deputata conservatrice. Su 298 presenti, la legge ha ricevuto il sostegno di 154 socialisti più il voto della deputata di centrodestra, mentre 138 deputati dell'opposizione di destra e sinistra hanno votato contro. Prima e durante il voto, davanti al parlamento sono continuati violenti scontri fra la polizia e i manifestanti che protestano contro il piano di austerity: la polizia ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere la folla assembrata nella grande piazza Sintagma, antistante il Parlamento, mentre alcuni manifestanti hanno alzato barricate e lanciato pietre contro gli agenti. Già ieri nelle violente proteste di piazza contro il piano erano rimaste ferite almeno una trentina di persone, con veicoli dati alle fiamme e vetrine distrutte. Poco prima del voto il premier greco Georges Papandreou si era impegnato oggi a fare di tutto "per evitare il default del Paese". "Non ci sono piani B" per salvare la Grecia, soltanto l'adozione di questo piano", aveva insistito Papandreou durante la drammatica seduta parlamentare. Un default della Grecia metterebbe a rischio la stabilità monetaria dell'intera zona euro.(fonte Afp)

Ape

© riproduzione riservata