Giovedì 30 Giugno 2011

Usa/ Sondaggio shock: Gli americani vogliono i figli maschi

Roma, 30 giu. (TMNews) - Dimenticate gli stereotipi: i pregiudizi sul genere e la preferenza per i figli maschi non sono relegati al lontano Oriente. Un recente sondaggio dell'istituto Gallup, rilanciato dall'edizione online di Time, rivela infatti che una simile mentalità prevale anche negli Usa e, quel che è peggio, è rimasta più o meno la stessa negli ultimi settant'anni. Nell'indagine si è chiesto a 1.020 adulti americani che genere avrebbero scelto per il proprio figlio, se avessero potuto averne solo uno. Il 40 percento degli intervistati ha risposto maschio, il 28% femmina. Risultati che non cambiano di molto da quelli del 1941, quando il 38% dichiarava di preferire un figlio maschio e il 24% una femmina. Se si analizzano i dati a livello qualitativo, gli intervistati di sesso maschile tendono a esprimere una più forte preferenza di genere rispetto alle donne. Fra gli uomini intervistati, il 49% ha dichiarato di preferire un maschietto e solo il 22% una femmina. Per le donne, il margine si assottiglia: 33% a 31. Il Gallup ha anche analizzato i dati per età, livello di istruzione e orientamento politico. Gli intervistati più giovani hanno espresso preferenza per i figli maschi (il 54% degli intervistati nello spettro di età 18-29 anni ha detto di preferire un maschio, contro il 27% che ha sostenuto il 'sesso debole'). Le cifre tendono a riequilibrarsi man mano che si sale con l'età. Anche gli americani con meno istruzione tendono a preferire i figli maschi: il 44% dei cittadini con un diploma di scuola superiore preferirebbe un figlio maschio, e la percentuale descresce con l'aumento del livello d'istruzione. Si rivelano più sessisti anche i repubblicani: il 43% vorrebbe vedere appeso alla porta un fiocco celeste, rispetto al 39% dei Democrats. Ed ecco che la stampa d'Oltreoceano si interroga sulle preoccupanti implicazioni future di una simile cultura, associata allo sviluppo delle nuove tecnologie. I medici ormai possono individuare il sesso del feto dalla 18esima-22esima settimana di gravidanza. Così come i diversi tipi di inseminazione artificiale aumenteranno negli anni le possibilità di selezionare il genere dei bambini. Il 'Philadelphia Inquirer' prende nota che generazioni di selezione genetica in Asia hanno di fatto eliminato 160 milioni di future donne, che sono "più della metà del totale della popolazione femminile americana". "Cosa finiranno col fare tutti questi uomini in surplus - si chiede il quotidiano - sicuramente aumenteranno il livello di violenza nel mondo - è la risposta - visto che statisticamente gli uomini sono più violenti delle donne, e quelli non sposati potrebbero esserlo persino di più...".

Ape

© riproduzione riservata