Venerdì 08 Luglio 2011

Governo/ Berlusconi: Nel 2013 non mi candido, ci sarà Alfano

Roma, 8 lug. (TMNews) - Silvio Berlusconi non sarà il candidato del centro-destra nel 2013 e per la poltrona di premier correrà Angelino Alfano. Il presidente del Consiglio lo conferma con chiarezza in un'intervista a La Repubblica, aggiungendo: "Io, se potessi, lascerei già ora...". Però non si può. "Infatti non mi dimetto - dice il premier - però verrebbe voglia. In ogni caso alle prossime elezioni non sarò io il candidato premier". Quanto al Quirinale, precisa, "non fa per me", la persona adatta è Gianni Letta". Berlusconi esclude che possa nel frattempo nascere un governo tecnico che lo sostituisca e assicura che il patto con Bossi non vacilla. "Non c'è alcuna possibilità che nasca un esecutivo del genere. Anche i leghisti, dove vuole che vadano? Tutti quelli che si staccano fanno una brutta fine. Pensate a Fini e Casini. Quelli del Fli ormai sono inesistenti. Il loro progetto politico - una volta fallito l'assalto del 14 dicembre - è il nulla. Ero solo io il loro obiettivo". D'altronde, argomenta, è logico che siano partiti i movimenti in vista di un cambio della guardia, anche se non esattamente dietro l'angolo, spiega il premier. "Sono le nuove generazioni. È giusto. Capiscono che io e Umberto prima o poi dobbiamo essere sostituiti. E si preparano. Con una piccola differenza rispetto al Pdl: ci sono tanti giovani di valore come Reguzzoni o Cota, ma non hanno ancora trovato il successore di Bossi", afferma il capo del governo, convinto che tutta la coaolizione accetterà Alfano come suo successore: "Credo che siano tutti d'accordo. Io farò la campagna elettorale e aiuterò Angelino. Farò il "padre nobile". Cercherò di costruire il Ppe in Italia. Ma a 77 anni non posso più fare il presidente del consiglio"" .

Orm

© riproduzione riservata