Lunedì 11 Luglio 2011

Crisi/Resta tensione su Italia,Milano giù,record spread Btp-bund

Roma, 11 lug. (TMNews) - Restano sotto tensione i mercati dell'Italia, in un avvio di settimana in cui tutta l'Europa continua a risentire del clima allarmistico che circonda i rischi di debito dei paesi della periferia dell'area euro. La Borsa di Milano continua a calare, pur limando le perdite al meno 0,84 per cento a metà mattina, dopo il meno 1,13 per cento in avvio e il meno 3,47 per cento della chiusura di venerdì, mentre si deprimono ancora le quotazioni dei titoli di Stato della penisola, con speculari aumenti dei rendimenti a nuovi massimi storici che inoltre fanno segnare nuovi record al loro differenziale (spread) rispetto ai bund della Germania. Oggi questo divario ha superato i 2,60 punti percentuali. Sull'Italia da venerdì scorso incombono timori di possibili ricadute negative del complicarsi del quadro politico sulla manovra di risanamento dei conti pubblici. Ma è tutta l'Europa in cui il contesto generale è allarmistico - la Borsa di Parigi segna un meno 1,14 per cento, Londra meno 0,32 per cento, Francoforte meno 0,95 per cento - mentre si trascinano i timori di un effetto "contagio" delle difficoltà che hanno coinvolto Grecia, Irlanda e Portogallo. Oggi su questo si svolge un nuovo vertice dei ministri delle finanze dell'Unione valutaria, l'Eurogruppo, che in considerazione della serietà della situazione è stato allargato ai presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, della Commissione europea, Jose Manuel Barroso, e dell'Ue Herman van Rompuy. Stamattina questi incontri sono stati anticipati da una riunione ristretta tra il ministro delle finanze della Polonia, il paese che ha la presidenza di turno dell'Ue, Jacek Rostowski, con Van Rompuy, che si sono appellati affinché venga approntato un nuovo piano di sostegni alla Grecia "il prima possibile". Nella speranza così di fermare gli allarmismi. (segue)

Voz

© riproduzione riservata